Idratazione e igiene del bebè

La pelle del bebè

La pelle del bambino neonato è molto fragile al momento del parto. Matura col tempo fino agli 8/9 anni. Le sue caratteristiche principali sono:

1. L’epidermide è molto sottile per costruire una barriera efficace contro gli agenti esterni. Questo la rende estremamente sensibile e facilmente infiammabile.
2. Il pH cutaneo è neutro e si trasforma progressivamente in acido. Questo implica minori difese contro i microrganismi patogeni.
3. I meccanismi di difesa della pelle sono ancora molto deboli, per cui ogni piccola lesione o irritazione può portare il rischio di infezione.
4. La secrezione di grassi e del sudore è insufficiente ciò provoca un deficit nella lubrificazione dell’epidermide e nella pellicola idrolipidica protettrice della pelle.
5. Le pieghe cutanee sono profonde e numerose, per cui è necessaria un’igiene molto accurata. L’igiene è una necessità prioritaria nella pelle del bebè.
6. Il pannolino è un contenitore di feci e urine del bebè. In quanto tale provoca un’occlusione cutanea prolungata che facilita lo sviluppo di microrganismi nocivi per la pelle. Il livello di potenziali lesioni sarà direttamente proporzionale alla qualità del pannolino e al tempo di contatto dell’urina e feci con la pelle.

Consigli per una cura adatta della pelle del bebè

  • Il bagnetto
  • - I bebè possono fare il bagno quotidianamente ma si raccomanda che la sua durata non sia maggiore ai 25 minuti.
    - La temperatura dell’acque debe essere compresa tra i 30° e i 32° e la temperatura dell’ambiente dev’essere compresa tra i 24° e i 26°.
    - Si consiglia di utilizzare gel da bagno adatti alla pelle del bebè che possano mantenere una costante idratazione cutanea.
    - Lo shampoo dev’essere ipoallergenico o in alternativa si può utilizzare lo stesso gel da bagno.
    - Per motivi di praticità si consiglia di lavare la testa prima del corpo.
    - Si deve asciugare il bambino metodicamente evitando di lasciare parti umide e utilizzando asciugamani morbidi preferibilmente di cotone.

  • Igiene del cordone ombelicale
  • Il cordone ombelicale può essere presente nelle prime 2 settimane di vita e per il suo igiene sono raccomandati, per ogni cambio, tamponi imbevuti di alcool da utilizzare per prevenire l'infezione, questo tipo di igiene deve essere effettuata entro 48 ore dopo la caduta dello stesso.
    Non mantenere il cordone ombelicale coperto con una garza poiché si potrebbe creare umidità nella zona interessata e pertanto ritardare la caduta normale del cordone ombelicale.

  • Igiene delle orecchie e del naso
  • La pulizia dell’area del pannolino merita un’attenzione particolare nell’igiene della pelle. In questa zona, a causa dell’umidità e del contatto con l’urina e con le feci, le irritazioni e le infezioni cutanee (generate solitamente da funghi) sono molto frequenti.

  • L’igiene delle orecchie e del naso
  • L’uso di bastoncini morbidi di cotone può aiutare l’igiene di queste zone, ma bisogna sempre fare molta attenzione e rimanere nelle zone superficiali.

  • Idratazione quotidiana
  • Dopo il bagnetto, bisogna applicare una crema idratante specialmente formulata per la delicata pelle del bebè. La sua pelle si manterrà morbida e protetta contro agenti esterni dando confort e benessere alla pelle del bambino.
    Questo momento “speciale” può essere sfruttato per fare piccoli massaggi con effetto rilassante che concilieranno il sonno e potranno diventare una forma di comunicazione con il bambino.